In data 5 ottobre 2020, Papa Francesco ha nominato l’Arcivescovo di Pompei, Monsignor Tommaso Caputo, Amministratore apostolico della Diocesi di Caserta, che domenica 4 ottobre ha pianto l’improvvisa scomparsa del suo amato Vescovo, Monsignor Giovanni D’Alise. Il primo pensiero del Prelato, che reggerà la diocesi di Terra di Lavoro fino alla nomina del Vescovo che il Papa designerà, è stato rivolto proprio al Pastore, che ha guidato la diocesi casertana sin dal 21 marzo 2014 e al quale lo univa un rapporto di amicizia fraterna: «Il suo generoso cuore di pastore, sempre vicino alla sua gente, testimone autentico e credibile dell’amore di Dio per ogni uomo e soprattutto per chi è nel bisogno, sono già un’eredità preziosa per la Chiesa pellegrina a Caserta, che egli ha servito fino al sacrificio estremo. La pandemia ha piegato le sue forze fisiche ma, possiamo dire, ha posto in luce ancora di più la tempra di un consacrato pronto ad accettare ogni sofferenza e a offrirla al Signore come è chiesto al Buon Pastore che ha a cuore il proprio gregge». Quello che verrà – ha continuato Monsignor Caputo – sarà «un tempo di preghiera» per preparare, sotto la protezione della Vergine del Rosario e dei patroni San Michele Arcangelo, Sant’Anna e San Sebastiano, l’accoglienza del nuovo Vescovo e per «allungare il tratto di strada verso l’edificazione del Regno di Dio, il vero orizzonte a cui ogni diocesi è chiamata a guardare». Sabato prossimo, 10 ottobre, alle 19, il nuovo Amministratore Apostolico della diocesi concelebrerà una santa messa in cattedrale con il clero e i fedeli, ovviamente rispettando le normative anti covid, per incontrare la comunità.

In occasione dei 40 anni dalla Beatificazione di Bartolo Longo, l’Arcivescovo di Pompei, Mons. Tommaso Caputo, scrive una lettera alla Città e ai fedeli, sul tema “L’oggi di Dio e i segni dei tempi in un mondo che cambia”. Un documento programmatico che, prendendo spunto dalla significativa ricorrenza e alla luce dell’esperienza e del carisma del Fondatore, allarga lo sguardo al mondo, posto di fronte a una crisi inattesa e misteriosa, con risvolti che vanno anche oltre i drammatici aspetti sanitari ed economici. Sotto osservazione, in modo particolare, la realtà del Mezzogiorno, in cui opera il Santuario mariano, già penalizzata da problemi e mali antichi che continuano a rallentarne un organico sviluppo.

Scarica Lettera              Scarica Comunicato

Pubblichiamo la locandina con gli orari delle celebrazioni, dei riti e degli ingressi in Santuario per la preghiera personale, in vigore a partire da lunedì 29 giugno. Gli orari varranno fino a nuove disposizioni. Atteso che le norme governative limitano il numero dei partecipanti alle celebrazioni, è richiesta la prenotazione telefonica all'Ufficio Rettorato, ma solo per i giorni di sabato e domenica. Potrete telefonare all'Ufficio Rettorato ai numeri 081.8577379 o 081.8507000 (dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19 di tutti i giorni). A partire dal 29 giugno non occorrerà la prenotazione per partecipare alle Messe celebrate dal lunedì al venerdì.

Scarica Locandina

Continua, in diretta streaming dal Santuario di Pompei, la recita del santo Rosario delle 18 e la celebrazione della Santa Messa delle 19, seguita dal rito di Chiusura del Quadro. Tutti i giorni, dunque, i fedeli e i devoti della Madonna del Rosario potranno seguirli sulla pagina Facebook Pontificio Santuario di Pompei.